top of page

Ciao! Se sei qui, qualcuno deve aver voluto farti approfondire il mondo della neurodiversità con un approccio intersezionale!

Io sono Eleonora Marocchini, PhD, e sono una Psicolinguista.

Se non sapessi che cosa significa: non preoccuparti, è frequente. Sono una rara specie di linguista che ne sa di Scienze Cognitive, grazie a un Dottorato di Ricerca nell'ambito. Se non mi conosci, puoi seguirmi su Instagram per capirci qualcosa di più: mi trovi come @narraction.

Qui sotto, invece, trovi i temi della prossima tripletta DiverGente, che qualche persona a te cara deve averti regalato. Fammi avere il tuo indirizzo email completando il form e ci vedremo presto!

DiverGente è un percorso di 3 incontri su Zoom (1 al mese, per 3 mesi).

Ogni incontro consisterà in un'introduzione scientifica e sociale al tema e in uno spazio per discuterlo insieme.

Lasciandomi la tua mail qui sotto riceverai il link agli incontri live e la password per recuperare le registrazioni se non riesci a esserci: entro la settimana comparirà su questa pagina il link alla registrazione dell'intro e un riassunto della discussione.

Neuroqueer e neuroqueering: dall'identità all'azione (30/01 h20:30)

L'espressione "neuroqueer" comprende tutta la complessità del vissuto neurodivergente e della comunità LGBTQIAP+. Non racchiude soltanto l'intersezione tra identità divergenti dalla norma neurologica e sociale in fatto di sessualità, genere e relazioni, ma anche l'incontro tra il paradigma della neurodiversità e le pratiche di queering che i collettivi e i Queer Studies propongono da decenni. Cosa significa sovvertire, dal vissuto alla pratica, la neuro-allo-etero-cis-mono-normatività?

Un invito alla rivoluzione dell'identità, degli affetti, della patologizzazione, della società.

DiverGente_ICONS_edited.png

Cervello "maschile" e "femminile": certezze, dubbi e neuro-sessismo (20/02 h20:30)

Esiste il neuro-sessismo ed esiste il neuro-sessismo benevolo. Esiste, anche, il neuro-sessismo clinico. Che cervello maschile e femminile differiscano nettamente l'uno dall'altro è un'ipotesi scientifica con radici datate e conseguenze attuali, dalla giustificazione dello squilibrio del lavoro di cura, dei ruoli apicali e della violenza, alla visione dell'autismo come "cervello maschile estremo" e di alcuni disturbi come femminili. Dalla riduzione alla biologia binaria di ogni differenza di genere, alla negazione di chi vi si oppone... Quanto di ciò si basa su evidenze scientifiche solide? E perché ne parliamo? 

Un'introduzione a un problema complesso e un invito alla riflessione sui limiti di scienza e attivismo.

DiverGente_ICONS_edited.png

Masking, empatia e "fenotipo femminile" (19/03 h20:30)

Ogni persona porta almeno una maschera, almeno in pubblico, quasi sempre. Chi è neurodivergente ne porta più d'una: non solo per rendersi più piacevole, ma per sembrare più nella norma. Per farlo, serve un lavoro notevole di empatia cognitiva ed emotiva, di "teoria della mente" altrui e capacità di imitazione. Sembra che le donne siano più brave a farlo e che le loro maschere in più, e la loro vera identità, passino per questo più spesso inosservate, specialmente in caso di autismo e ADHD. Ha senso parlare di "masking" come femminile? E distinguerlo da qualunque altra maschera?

Una riflessione critica sul binarismo scientifico e sociale e degli infiniti "noi" e "loro" in questo tema.

DiverGente_ICONS_edited.png

Gli incontri durano solitamente 2 ore, di cui 40-50minuti di slide e 50-60 di domande e confronto libero, per un totale di 6 ore di formazione e dibattito.

Poiché qualcuno ha già fatto l'iscrizione per te, tutto ciò che devi fare è dirmi chi ti ha regalato la Gift Card (Nome e Cognome che mi ha dato), il nome che vuoi che compaia nelle email che riceverai e il tuo indirizzo email per ricevere i link!

Attenzione! Dopo l'iscrizione ti scriverò una mail di conferma con i link entro una settimana, se non ti arriva controlla in SPAM e in Promozioni!

Grazie delle info! Ti arriverà una mail (controlla anche in spam!)

FAQ - Risposte alle domande più frequenti

Quanto durano gli incontri?

Circa 40-50 minuti di slide e 50-60 minuti di confronto. Le registrazioni conterranno solo i primi 40-50 minuti + 10 minuti di riassunto della discussione successiva.

Quando e come arrivano le registrazioni?

Le registrazioni saranno disponibili sul sito in una sezione protetta da password dalla settimana successiva a ogni incontro. Link e password arriveranno per email.

Bisogna mostrarsi in video/porre domande a voce?

Non è obbligatorio mostrarsi, neppure per fare domande o interventi. Per tutta la durata dell'incontro è attiva la chat. Le domande poste in video avranno però la precedenza.

Per quanto saranno disponibili le registrazioni?

Le registrazioni saranno disponibili sul sito dalla settimana successiva a ciascun incontro fino alla fine del prossimo ciclo di incontri, ovvero fino a giugno 2023. 

bottom of page